Z Nation

Programmi

Z Nation 3: il regno di Murphy

I piani del Messia dopo l'arrivo a Spokane: che cosa ha in mente l'ibrido?

Murphy Z Nation

Dopo l'ultimo episodio di Z Nation S3 - in prima assoluta ogni mercoledì alle 21 su AXN Sci-Fi - facciamo il punto sul personaggio di Murphy: com'è cambiato e cosa potrebbe succedere dopo il suo arrivo a Spokane.

Ben poco, fisicamente e psicologicamente, è rimasto del Murphy della prima stagione di Z Nation.

L’uomo pavido governato solamente dalla paura e dall’istinto di sopravvivenza, nella seconda stagione ha cominciato ad alzare la testa. Ma sempre sotto protezione di Roberta, leader della missione per salvare l’umanità tramite il sangue dell’ibrido, da cui sintetizzare un vaccino.

Messo davanti alla prospettiva di diventare una cavia da laboratorio, costretto a scegliere se stare dalla parte degli zombie o da quella degli uomini, alla fine della seconda annataMurphy ha scelto se stesso e la sua specie, quella degli ibridi.

[Il lato oscuro di Murphy]

È una metamorfosi ancora più radicale di quella avvenuta al volgere della seconda stagione, quando l’ex galeotto aveva letteralmente cambiato pelle: questa volta è una mutazione di intenti. Ritroviamo il Messia nella terza annata, deciso a tenere fede all’appellativo: è un ex truffatore, ha poteri illimitati di persuasione su zombie e ibridi, ed è esasperato dai suoi simili.

Tutto questo contribuisce all’idea della nascita di una nuova nazione composta di ibridi, il progetto grandioso e folle di una figura che insospettabilmente è diventata un ubervillain con un piano imperiale.

Folle, forse, non così tanto... la soluzione di Murphy potrebbe anche essere l’ultima possibilità per una sorta di futuro per l’umanità.

Quando annuncia le sue intenzioni di creare un popolo di ibridi all’inizio della terza stagione, lo fa con giustificazioni implicitamente darwiniane: sono la specie più adatta a sopravvivere. Ma sono anche uomini – e donne - alla sue mercé, individui privati del libero arbitrio, a discrezione del Messia.

L'arrivo a Spokane. Il suo progetto, tuttavia, è brillante: a Spokane esiste un’enorme diga – e quindi energia elettrica illimitata -, la sede ideale del suo regno, dalla quale attirare a sé futuri ibridi e proteggersi (e quindi proteggere anche la figlia Lucy, allontanata proprio per tenerla lontana dai pericoli).

[Z Nation3: il recap del terzo episodio]

Murphy ha deciso saggiamente di portarsi dietro la dottoressa Merch, in grado di creare la formula ideale agli scopi dell’ibrido e di tenere sotto controllo le fluttuazioni della sua mutazione, che lo rendono sempre più sensibili agli istinti da zombie.

Altrettanto brillantemente, ha tenuto con sé il cecchino Diecimila, il giovanotto dalla mira infallibile al quale Roberta & co. non avrebbero mai il coraggio di fare del male e che può difenderlo da svariate minacce (ricordiamoci che là fuori ci sono ancora l’Uomo e gli altri tirapiedi di Zona).

Sembra aver calcolato tutto, ma non ha fatto i conti proprio con... Roberta: sa quanto il tenente sia agguerrito, sa che lei non si fermerà davanti a nulla per ostacolarlo, ma ha sempre avuto un debole per lei e finora non ha voluto torcerle un capello. Forse solo lei può contrastare efficacemente il regno di Murphy.

Lorenza Negri

Comments: