Precious Cargo

Precious Cargo - Focus sul film

Una femme fatale, un ladro buono e un gruppetto di fuorilegge uniscono le forze contro Bruce Willis in versione villain

Precious Cargo

Precious Cargo è una pellicola ad alto tasso di inseguimenti nella quale una femme fatale, un ladro buono e un gruppetto di fuorilegge uniscono le forze contro Bruce Willis in versione villain.

Il Bruce Willis che abbiamo imparato ad apprezzare è eroico, sgualcito e praticamente indistruttibile (v. Inferno di cristallo e il resto della saga di Die Hard), ma vale decisamente la pena di vederlo anche nei panni inappuntabili del cattivo. È il caso di Precious Cargo, pellicola tra thriller, crime e action di produzione recentissima – ha debuttato sui grandi schermi internazionali ad aprile 2016 – nella quale il serafico attore e cantante si cimenta nei panni – eleganti e di sartoria – di Eddie, spietato boss del crimine indispettito da un furto andato male. Se ne occupava la bella e slanciata ladra Karen (Claire Forlani), sua sottoposta decisa a imbrogliarlo, e costretta a darsi alla macchia prima di finire nel mirino degli uomini del suo capo e amante.

La donna, truffatrice senza scrupoli, manipolatrice, bugiarda e approfittatrice, è a tutti gli effetti una femme fatale che non esita a presentarsi a un ex amante con tanto di pancione (annunciando la gravidanza come se il bimbo fosse sicuramente suo) in cerca di aiuto.

Lontano dall’essere una damigella in pericolo, Karen – una delle figure femminili della storia della cinematografia meno romantiche e delicate mai viste (lo puntualizziamo come pregio) si farà aiutare da Jack (Mark-Paul Gosselaar), anche lui abile ladro e criminale, ma decisamente di indole buona e altruista, per sistemare le cose con Eddie.

Jack chiederà aiuto alla sua migliore amica – il cecchino maschiaccio e criticone (ma molto attraente) Logan –, l’esperto di guida e mezzi di trasporto ubriacone e svanito Drew, e l’ilare e aitante Nicholas, i cui siparietti con la perennemente insoddisfatta moglie da vecchia coppia sposata fanno da sollievo comico alle situazioni più tese.

Tra rivelazioni, rapimenti, ricatti e riscatti, voltafaccia e tradimenti Precious Cargo si concentra sul recupero del bottino del titolo in un susseguirsi di inseguimenti, scontri a fuoco, esplosioni, fughe in barca e scazzottate.

Un Bruce Willis imperturbabile sfoggia le sue espressioni più sornione anche quando si scatena l’inferno, dimostrando come, nella sua lunga carriera, l’atteggiamento da duro gli abbiano regalato quell’aura di inalterabile eroe dell’action anche quando di fatto interpreta il villain.

Nei panni di Karen c’è l’attrice britannica dalla bellezza eterea Claire Forlani (Ti presento Joe Black), nota al pubblico televisivo dei crime per il suo lato più tosto (è stata, infatti, nel cast di due franchise ben noti al pubblico di AXN come quelli di NCIS: Los Angeles e CSI: New York).

Il fulcro di Precious Cargo è, tuttavia, Mark-Paul Gosselaar, autentica icona degli anni '90 che in molti si stupiranno di riconoscere dalla serie teen Bayside School. Qui lo ritroviamo in versione atletico action hero e buono che si trova dalla parte sbagliata della legge, a differenza dei ruoli in cui il pubblico delle serie poliziesche come il cult NYPD ha imparato ad apprezzarlo. Precious Cago si conclude con un finale inaspettato e titoli di coda da non lasciarsi scappare – includono i dietro le quinte e gli errori sul set del film.

Lorenza Negri

Comments:

Seguici