Power

Power: la “bromance” di Ghost e Tommy

Scopri tutto sulla relazione piena di alti e bassi tra Tommy e Ghost in Power

Power

Amici, soci e poi nemici. Scopri tutto su una dei rapporti più forti e allo stesso tempo complicati di Power, quella tra James “Ghost” St. Patrick e Tommy Egan.

Ghost e Tommy amici fin dall’infanzia, insieme si sono costruiti un futuro, insieme hanno sempre gestito gli affari e insieme fanno parte di una sorta di famiglia allargata assieme a Tasha, moglie del primo e “sorella” del secondo. Quella dei due spacciatori newyorkesi protagonisti di Power è a tutti gli effetti una “bromance”, un’amicizia strettissima tra due uomini, ma che nel corso delle prime due stagioni di cui si compone la serie si incrina, forse irrimediabilmente.

Tommy e Ghost sono cresciuti senza una vera famiglia: gli ha fatto da "padre" Kanan (50 Cent), abile spacciatore finito in galera prima degli eventi mostrati nello show. Con Kanan fuori gioco, Ghost ha preso il controllo della distribuzione di droga alle bande newyorkesi, guadagnando tanto da potersi permettere di aprire un club prestigioso e mettere in atto il suo piano di diventare un vero imprenditore.

Ghost (interpretato da Omari Hardwick) ha scisso la sua personalità in due: da una parte il “fantasma” - criminale calcolatore senza scrupoli che non esita a ingannare e far fuori chi ostacola le sue ambizioni - dall’altra James, l’alias manager, elegante e di successo che vuole conquistare New York legalmente.

Tommy è tutto l’opposto sia di Ghost che di James: instabile, insicuro, violento, testa calda ma innegabilmente leale. Ha l'aspetto del duro ma ha un debole per i cagnolini ed è attaccatissimo alla famiglia di Ghost.

La loro è un’amicizia degna di fratelli di sangue, ma i due hanno sempre vissuto il rapporto diversamente: Ghost è la personalità dominante, quello che ha il controllo e che tratta l’altro come un fratello minore da proteggere. Gli vuole un bene dell’anima ed è l’unica persona che non tradirebbe mai o al quale farebbe del male.

Il problema, tuttavia, è che per liberarsi del suo passato, Ghost non ha esitato a prevaricare tutti quelli che lo circondano: ha tradito la moglie, messo nei guai l’amante, incastrato il suo mentore, ucciso i propri collaboratori. Ha mentito a tutti, anche a Tommy, nascondendogli le proprie azioni, convinto di poter costringere l’amico a seguirlo nel suo percorso di legittimazione e di poter decidere della sua vita, arrivando anche a ricattare anche la ragazza di Tommy, Holly, costretta ad andarsene perché potenzialmente di ostacolo al suo progetto.

Tommy è un sadico, è incostante, iracondo, spietato quando si tratta di affari, ma per lui l’amicizia di Ghost è il centro dell’universo.

James ha avuto tutto – il successo, l’amore, la famiglia – ed Egan si è accontentato di vivere dei trionfi del “fratello” e dell’affetto di moglie e figli altrui. Con l’arrivo dell’ambiziosa Holly e della sospettosa Angela - le Yoko Ono della situazione -, la partnership si è incrinata, ma mentre Ghost non si scompone, non soffermandosi mai più di tanto a soppesare il suo affetto per l’amico, Tommy, nel corso delle sue prime stagioni, mette spesso in questione il rapporto, sempre più consapevole dell’inaffidabilità dell’altro.

Dopo vari scontri e altrettante riappacificazioni, la resa dei conti arriva: Ghost annuncia il suo ritiro dal crimine e obbliga Tommy a fare altrettanto, ma quest’ultimo non è attratto dai completi di sartoria, dal glamour e dal mondo degli affari dove gli squali della finanza possono essere più infidi degli spacciatori di droga. L’amicizia si spezza, ma per quanto?

Ritroveremo il risoluto James e il neo boss della distribuzione di stupefacenti Tommy uno contro l’altro, ma quando uno dei due avrà davvero bisogno dell’amico, le probabilità che St. Patrick o Egan accorrano in soccorso dell’ex partner sono alte. I due sono cresciuti in simbiosi, e una bromance come il loro non si distrugge facilmente.

L'appuntamento con la terza stagione di Power è dal 20 settembre alle 21.00, in esclusiva su AXN HD.

Lorenza Negri

Comments: