Power

Power: focus su Tasha

Scopriamo tutto su Tasha, uno dei personaggi più amati della serie TV Power

Tasha

È uno dei personaggi più amati di Power e nella terza stagione della serie è stata un elemento chiave nell'andamento delle vicende più importanti. Scopriamo tutto su Tasha, moglie di Ghost ma non solo.

[Spoiler alert: nell'articolo ci sono riferimenti a fatti accaduti nel finale della terza stagione di Power]

Sin dal primo episodio, è stato chiaro cosa condiziona ogni pensiero, mossa e decisione di Tasha (Naturi Naughton), una delle figure femminili più forti di Power: il proprio benessere (e quello della sua famiglia).

Tasha ha un solo obiettivo, quello di mantenere lo status quo. Ha sposato ancora giovane lo spacciatore di stupefacenti James St Patrick, ha contribuito attivamente alla sua ascesa al potere (per esempio aiutandolo a incastrare Kanan), e quando il suo regno sembrava inaffondabile, si è ritrovata sola e tradita.

Facciamo un passo indietro. Abbiamo conosciuto la Tasha della prima stagione al culmine della felicità: bella, viziata dal lusso e dalla ricchezza, fiera di un marito potente e temuto: Ghost. I figli completavano il quadro perfetto della sua esistenza. La decisione del compagno di lasciare la carriera criminale è arrivata come un fulmine a ciel sereno, ma il colpo peggiore non è stato inferto fino a quando non ha scoperto dell’esistenza di un’amante, la sensuale avvocatessa Angela.

[Scopri tutto su Naturi Naughton, l'interprete di Tasha]

Il proprio microcosmo perfetto che si disintegra getterebbe chiunque nello sconforto, ma Tasha incarna quel tipo di donna che combatte come una leonessa sempre e comunque: la rivale che si è presa il suo uomo si è presa solo metà di lui, quel James St Patrick dalla fedina pulita la cui professione è proprietario e manager di night club, ma sa che la metà più ferale, Ghost, è e resterà sempre suo.

Nella seconda stagione conosciamo la Tasha più manipolatrice: soffre, si fa divorare dalla gelosia, ma a differenza di Angela sa accettare la parte oscura dell’uomo con cui ha diviso a lungo il letto, e a differenza di Holly sa quali sono i limiti da superare. Scaltra stratega, Tasha si prende tutto quello che può: dal conforto dell’amante – finito male – all’aiuto di chiunque può darglielo – come l’amico di sempre Tommy.

Più volte la vediamo celare il dolore dietro lo sguardo da dura, ma è in questa recente terza che impariamo a conoscere veramente chi è e cosa è in grado di fare.

[Focus su Angela, la rivale di Tasha]

La terza stagione di Power si prospettava come quella della rinascita di James: seppellito Ghost, aveva giocato tanto bene le sue carte da tagliare con il passato e rifarsi una vita con Angela. L’amante rappresentava quel presente, Tasha il passato da obliterare.

Eppure la pazienza della compagna di tanta vita insieme è stata ripagata: è sempre a lei che Ghost si rivolge quando ha bisogno di una sua pari in grado di dargli il giusto consiglio su come muoversi, ed è sempre da lei che va quando il passato ritorna e non sa come contrastarlo.

Per ogni momento di debolezza e fragilità di Ghost, c’è un momento di rivalsa di Tasha: alla fine riesce a riprenderselo - o così pare - con astuzia, pacatezza e sensualità.

[Test: Quale personaggio di Power sei?]

Se il destino non avesse avuto in programma per l’uomo la prospettiva di finire dietro le sbarre, Ghost avrebbe avuto un bel da fare a gestire l’evoluzione del rapporto con le due donne della sua vita.

Tenendo bene a mente che Tasha non si dà ma per vinta come finirà con Kanan, reo di aver rapito suo figlio?

Lorenza Negri

Comments: