Fast & Furious - Solo parti originali

Fast & Furious focus sulla saga

Una delle saghe action più longeve di sempre che nel 2021 vanterà ben dieci capitoli

pic_1613063

Sette capitoli, altri tre in arrivo nei prossimi tre anni: Fast & Furious è tra le saghe action più di successo grazie a protagonisti amabili e corse automobilistiche al cardiopalma.

Si avvia a diventare una delle saghe action più longeve e di successo del grande schermo, con dieci capitoli al suo attivo: Fast & Furious, tra corse in automobili truccate, rapine al cardiopalma, “bromance” e cazzotti ha esordito al cinema quindici anni fa incassando cinque volte i costi di produzione del primo capitolo, e le uscite delle ultime tre pellicole sono già pianificate fino al 2021. Il primo Fast & Furious è la storia di un poliziotto, Brian O’Conner - il quale va più d’accordo con i fuorilegge che con i suoi colleghi - incaricato di andare sotto copertura per sgominare una banda di rapinatori e piloti di gare con macchine modificate capitanati dal ruvido Dominic Toretto. Da quel momento la sua vita ne sarà sconvolta per sempre, diviso tra legge e crimine, tra senso del dovere e lealtà.

Nei panni di Brian, Paul Walker, bravo attore che nella realtà è perito in un incidente stradale durante la lavorazione del settimo capitolo della saga; in quelli del carismatico Dom, Vin Diesel, icona action di franchise come il fantascientifico di Pitch Black e l’adrenalinico xXx. Diesel non è stato il protagonista dei due capitoli successivi – il motivo da imputarsi al fatto che si sentiva, ed era, letteralmente perseguitato dai sequel! - narrativamente affrancato dalla vita da latitante a cui il personaggio di O’Conner aveva destinato il suo. Vin passa il timone a Paul in 2 Fast 2 Furious e a due new entry della saga, Tyrese Gibson e Ludacris, i quali uniscono le forze per una missione sotto copertura atta a sgominare una banda di Miami.

Fast & Furious ha la peculiare tendenza a fare avanti e indietro sulla linea del tempo – per esempio il terzo capitolo intitolato Tokyo Drift è una sorta di spinoff ambientato in Giappone dopo il sesto film e con personaggi secondari –; un’altra caratteristica che accomuna tutta l’adrenalinica saga è l’arricchimento del cast: quasi ogni pellicola, infatti, si porta dietro i personaggi introdotti in quelle precedenti, evidenziando l’atmosfera familiare di una piccola comunità in crescita. Toretto è il patriarca di una grande famiglia allargata e piena di parenti acquisiti (prima della dipartita di Walker la famiglia aveva come nucleo Dom e l’amata Letty, sua sorella Mia e Brian): man mano che la saga procede ritroviamo i vecchi compagni di squadra di Dom Han Seoul-Oh e Vince, gli alleati di Brian Roman e Tej, i poliziotti alleati del gruppo Hobbs e Elena, le nuove acquisizioni Sean e Gisele, i cattivi ricorrenti Owen e Deckard Shaw.

La ricetta della popolarità di Fast & Furious è ricca di ingredienti: l’elemento action delle scatenate corse automobilistiche da togliere il fiato; personaggi chiaramente identificabili come criminali o persone che non rispettano la legge ma con le quali il pubblico si identifica grazie a valori positivi profondi come l’amicizia e la famiglia; villain che sono mostri spietati e vendicativi ma senz’altro intriganti (e, negli ultimi capitoli, interpretati da icone hollywoodiane); poliziotti che si fanno apprezzare per essere uomini di legge disposti a violarla per assicurare alla giustizia i cattivi. Aggiungi che i protagonisti sono volti noti dell’action (Vin Diesel, Dwayne “The Rock” Johnson, Jason Statham) e attrici bellissime (Michelle Rodriguez, Jordana Brewster, Gal “Wonder Woman” Gadot), e abbiamo una saga a cui è impossibile non affezionarsi.

LORENZA NEGRI

Comments:

Seguici